Palma e i Tomasi

Palma di Montechiaro venne fondata dalla nobile famiglia dei Tomasi, stirpe di santi, uomini di chiesa, letterati e scienziati che volle costruire la propria città su di un promontorio collinare sito nei pressi di Girgenti ed adagiato su di una terrazza da cui guarda al mare Mediterraneo.
Fu il Duca Giulio Tomasi, in seguito conosciuto come il “Duca Santo”, ad edificare il Ducato di Palma poggiando la prima pietra del Monastero delle Benedettine: il chiostro, assieme alla Chiesa Madre ed il Palazzo degli Scolopi divennero in breve i punti nevralgici attorno cui la cittadina si sviluppò fervidamente.
Famiglia di riformatori ed innovatori, i Tomasi investirono molto nella loro città, soprattutto per quanto concerne l’istruzione e la ricerca scientifica, portando al loro cospetto personalità del calibro di Giovan Battista Odierna, insigne pioniere della scienza e della medicina che venne nominato primo arciprete e che seguì anche lo sviluppo architettonico.
Dal seme della dinastia dei Tomasi germogliarono numerose figure di santi ed uomini di elevato spessore filantropico e culturale. Quando nel 1640 il primo Duca decise di ritirarsi a vita religiosa gli succedette il fratello Giulio, dal quale matrimonio con Rosalia Traina nacquero la Venerabile Isabella e San Giuseppe Maria Tomasi, canonizzato il 12 Ottobre 1986.